Siamo a Denver, nel Colorado, una delle città più dinamiche d’America, ma anche qui, come in altre città del mondo, le periferie sono dimenticate. Accade nel quartiere Elyria-Swansea che ha ospitato fin dall’inizio del ‘900 in gran parte gli immigrati dell’Europa orientale che lavoravano in vari settori. Le fabbriche che dominavano il quartiere rilasciavano innumerevoli inquinanti nell’aria, nell’acqua e nel suolo, dal piombo all’arsenico e ai metalli pesanti. Poi, negli anni ’60, la comunità fu letteralmente separata dal resto del centro di Denver con la costruzione dell’autostrada I-70.

Oggi nel quartiere è insediata una comunità prevalentemente latina di circa 6.500 abitanti che ha ereditato quei carichi inquinanti, inalando i fumi di un traffico a a sei corsie e assorbendo i veleni di più di cento anni di industrie senza regole. In questo “inferno metropolitano” 9 anni fa si è insediato The GrowHaus.

All’inizio, il GrowHaus era un impianto per la lavorazione dei fiori e una serra abbandonati, riaperti nel 2009 come centro coltivazione e formazione per combattere la precarietà alimentare del quartiere. Passo dopo passo, l’organizzazione ha sviluppato sistemi di crescita idroponica e acquaponica,  un programma di consegne di cibo e ingredienti freschi al vicinato e un piccolo mercato locale. Non è stato facile, il team di GrowHaus ha dovuto affrontare un significativo ostacolo per avere successo: il loro personale non faceva parte del tessuto della comunità e pochissimi di loro parlavano spagnolo.

Hanno dovuto allora cambiare approccio: “Abbiamo imparato che non è sufficiente fornire risorse alla comunità, la comunità è essa stessa una risorsa preziosa per noi. Tutte le decisioni che prendiamo sono partecipate dal vicinato. Ad esempio, abbiamo avviato il nostro mercato sul posto perché i membri della comunità hanno chiesto uno spazio al dettaglio in cui poter selezionare i propri prodotti. Tutto è iniziato con solo un cesto di mele e lattuga cresciuti sul posto, ma con i loro feedback abbiamo ampliato le nostre offerte per includere carne, latticini, yogurt, cereali e altri beni che sono culturalmente importanti per la nostra comunità in gran parte ispanica. Abbiamo anche sviluppato un modello di prezzi collegati alle possibilità di spesa di ciascuno per rendere lo shopping al mercato più conveniente per i residenti locali “.

 

Quando si è trattato di educare i residenti a cucinare sano, gli ostacoli sono stati ancora più grandi. Racconta Alicia Perez, nativa di Elyria-Swansea che ora lavora per The GrowHaus,  “Il motivo per cui alcune persone non frequentano i nostri programmi [sul posto] è che molti residenti non hanno il tempo o la possibilità di seguire le nostre lezioni” E’ stato per questo che The GrowHaus ha lanciato il programma Promotora, che forma cinque donne rispettate dalla comunità per fornire un’educazione preziosa nelle case dei residenti. Dagli acquisti salutari all’interno di un budget definito a modi naturali per combattere le malattie durante la stagione invernale, queste visite informali alle famiglie forniscono competenze essenziali per la vita ad alcuni dei membri più diseredati della comunità.

Piuttosto che limitarsi a considerare le comunità svantaggiate come piene di problemi, abbiamo pensato di capovolgere la sceneggiatura e concentrarsi sui beni che hanno in abbondanza: “Il quartiere di Elyria Swansea ha una cultura sociale molto forte. È il tipo di comunità in cui in realtà conosci i tuoi vicini e le persone si aiutano a vicenda per tutto il tempo. Questo è davvero unico in America e la connettività è ciò che rende il quartiere così forte “.

Tra i molti obiettivi di GrowHaus, nessuno è importante come questo senso di appartenenza alla comunità. La missione dichiarata dell’organizzazione è quella di essere un modello per “un mondo in cui tutte le comunità hanno i mezzi per nutrirsi” – non un mondo in cui le comunità svantaggiate vivono grazie ai servizi sociali. Riflettendo sul futuro di GrowHaus, il direttore dello sviluppo Nathan Mackenzie spiega: “Se stessimo semplicemente distribuendo il cibo gratuitamente, ciò non avrebbe alcun valore. Quando riuniamo le persone per imparare come preparare gli ingredienti o coltivare il cibo in sicurezza nel loro cortile, non stiamo solo migliorando l’accesso al cibo, stiamo costruendo una comunità sostenibile e resiliente “.

Guarda il video

Segui questo link se vuoi accedere all’articolo originale (per angloabili)

Per approfondimenti questo è il sito di The GrowHaus