Giulio, dalla sua pagina facebook Green and Blue ci informa che anche anche Ikea si sta lanciando nel mondo delle “insalate fatte in casa” …

Tranquilli, non si monteranno con la chiave a brugola ma crescerenno in un sistema di coltura (per il momento solo idroponico) perfetto per arredare il tinello! Brugola a parte non mancherà però il tipico nome Ikea, si chiamerà KRYDDA/VÄXER ed è a prova di fallimento come sostiene Helena Karlén della Swedish University of Agricultural Sciences. Inutile comunque prenotare la Pasquetta nell’Ikea di periferia più vicino a voi, sarà disponibile solo a partire dal mese di aprile.

Se invece siete più creativi potete progettare un microsistema casalingo come quello di Marco, un vero quadro vivente di pesci e piante.img_20131014_115247

Se proprio non potete fare a meno dei pezzi dei componenti di Ikea potete sempre realizzare Eliooo, seguindo le istruzioni di un conceptual design italiano Antonio Scarponi che ha trovato fortuna creativa e professionale in svizzera. In queste immagini la versione di Mario, decorata da sua figlia Elena.p1010367

p1010375

Condividi con i tuoi amici