Seconda “Pillola di acquaponica” nella quale riassumiamo per punti alcuni dei temi che potrete approfondire consultando il manuale “Small-scale aquaponic food production – Integrated fish and plant farming” edito dalla FAO, che abbiamo tradotto integralmente e pubblicato nella pagina “MANUALI” del sito, cerchiamo dunque di comprendere il meccanismo di funzionamento dell’acquaponica-

  • L’acquaponica è un sistema di produzione che combina piscicoltura con la produzione di ortaggi fuori suolo in un sistema a ricircolo.
  • I batteri nitrificanti aiutano a convertire gli scarti dei pesci (ammoniaca) in alimenti per i vegetali (nitrati).
  • Lo stesso processo di nitrificazione che avviene nel suolo avviene anche nel sistema acquaponico.
  • La parte più importante di un sistema acquaponico, i batteri, è invisibile a occhio nudo.
  • I fattori chiave per mantenere i batteri sani sono la temperatura dell’acqua, il pH, l’ossigeno disciolto e un’adeguata superficie su cui i batteri possano crescere.
  • I sistemi acquaponici di successo sono equilibrati.
  • Il tasso di alimentazione è il principale parametro per bilanciare la quantità di mangime per pesci in relazione alle quantità di piante coltivate e si misura in grammi di mangime al giorno per metro quadrato di spazio per la crescita delle piante.
  • Il tasso di alimentazione per ortaggi a foglia è di 40-50 g/m2 /giorno; ortaggi a frutto richiedono 50-80 g/m2/giorno.
  • Il monitoraggio quotidiano della salute dei pesci e delle piante fornisce informazioni sull’equilibrio del sistema. Malattie, carenze nutrizionali e morte sono i sintomi di un sistema non bilanciato.
  • Il test dell’acqua fornisce informazioni sullo stato del sistema. Elevati livelli di ammoniaca o nitrito sono indice di una biofiltrazione insufficiente; bassi livelli di nitrati indicano troppe piante o una quantità di pesce non sufficiente; l’aumento di nitrati è positivo e indica un livello di nutrienti adeguato per le piante, anche se una parte dell’acqua deve essere sostituita quando i nitrati superano i 150 mg/litro.

Se siate arrivati a legger fino a qui meritate di conoscere quale sia la pubblicità alla quale ci riferivamo nell’introduzione.

🙂